FacebookTwitter

 

È rivolto ad un massimo di 15 donne che si sentono portate per lavorare nell’accoglienza ed educazione dei bambini. La “mamma accogliente” – o “Tagesmutter”, che significa “mamma di giorno”, come viene chiamata nel nord Europa, in cui questa figura è molto conosciuta – è una educatrice che accoglie, di norma, presso la propria abitazione, un numero massimo di tre bambini, della fascia d’età 0/36 mesi, compresi i propri, offrendo attività di accoglienza e cura, socializzazione e gioco.
Nell’ambito delle azioni di sviluppo del centro storico della città, il laboratorio si propone di riconoscere e far emergere il valore sociale della presenza femminile e del suo impegno di educazione e cura dell’infanzia, collaborando a potenziare e incrementare i servizi di sostegno alla famiglia e di conciliazione del tempo lavorativo e familiare.
La stessa normativa regionale dei servizi all’infanzia ha regolamentato la figura professionale della “mamma accogliente”, prevedendo – per l’autorizzazione del servizio – che l’educatrice impegnata abbia positivamente frequentato un percorso formativo di ameno 40 ore.
In questa prospettiva, il corso – organizzato dalla Fondazione Asilo Marina e Stampace – prevede attività didattiche e di stage per complessive 48 ore articolate in 17 settimane con incontri da fine novembre 2013 a metà marzo 2014, con interruzione durante le festività natalizie.
Le attività didattiche si svolgeranno il giovedì pomeriggio presso la sede della Fondazione Asilo Marina e Stampace, mentre le attività di stage si svolgeranno presso strutture educative per l’infanzia autorizzate.
I diversi argomenti verranno sviluppati da docenti e professionisti qualificati per specifica competenza e adeguata esperienza.
Durante il percorso formativo saranno trattati le seguenti tematiche:

- Storia della Pedagogia: nozioni essenziali. Mappa concettuale di riferimento. La scoperta dell’infanzia .La nascita degli asili nido ;

- Asili nido e nidi di famiglia: sviluppo e la promozione dei nidi familiari. Il ruolo della “mamma accogliente”;

- Psicologia dell’età evolutiva (sviluppo percettivo, cognitivo, del linguaggio affettivo sociale, psicomotorio);

- Il progetto pedagogico. La relazione con la famiglia. L’importanza di una programmazione educativa e didattica condivisa, rispondente ai bisogni dei bambini;

- Progettazione di una giornata tipo al nido domestico;

-Normative regionali di riferimento. Il regolamento del nido domestico.


Le attività verranno svolte con l’attenzione a sviluppare una rete di conoscenze professionali con operatori e strutture educative per l’infanzia della città. In collaborazione con Confcooperative si cercherà di affiancare le corsiste nella verifica delle possibile ricadute occupazionali del percorso svolto.
All’avvio del corso, verranno rilevate le competenze in partenza, allo scopo di orientare la programmazione generale in relazione agli specifici bisogni formativi.
Durante lo svolgimento del laboratorio, verrà monitorato l’apprendimento delle partecipanti attraverso attività di valutazione sui diversi aspetti del percorso proposto.
A conclusione verranno rilevare le competenze acquisite e rilasciato un attestato di partecipazione con l’indicazione del programma svolto.

 

 

 

0308339